Post in evidenza

La dieta Tiromancino, contro il solito magna magna

January 31, 2019

 

 

È  tutto un magna magna.
In queste ore in cui imperversa la giusta polemica, per altro da me sollevata, sui conflitti di interessi di Claudio Baglioni riguardo il suo ruolo di direttore artistico del Festival della Canzone Italiana di Sanremo, a farsi un giro sui social non si legge altro che questo. È tutto un magna magna.
Non che sia una idea lontana dalla realtà, intendiamoci, ma l'indicare una falla nel sistema non voleva certo portare la gente a dire questo.
Perché se c'è un certo magna magna in giro, innegabile, è pur vero che esiste anche altro. E viva Dio che esista.
Allora, mentre appunto monta la polemica, forse è il caso di fermarsi un attimo e concentrarci sul bello. Su quanti, oggi, invece che darsi alle abbuffate si rimboccano le maniche e lavorano, producendo quella musica che, in fondo, dovrebbe essere la benzina di questo motore.
E non mi è difficile, oggi, trovare un esempio di eccellenza in musica da contrapporre ai magheggi assai avvilenti. Perché proprio in queste fredde giornate invernali c'è un artista che stimo che sta riempiendo teatri a suon di canzoni. Non solo. A suon di canzoni suonate e di canzoni suonate in maniera atipica, con una veste, cioè inedita a pensata appunto per i teatri.
Parlo, inutile girarci intorno, il titolo e la foto hanno già svelato quello che in fondo non voleva mica essere un mistero, di Federico Zampaglione e dei suoi Tiromancino, che da qualche giorno sta portando in giro per l'Italia il suo spettacolo in compagnia dell'Ensemble Simphony Orchestra. 
Ora, non credo sia necessario io stia qui a spiegarvi chi sono i Tiromancino. Se vivete in Italia e ci avete vissuto negli ultimi venticinque anni non potete non saperlo. Quello che però forse non sapete, e che questo tour vi spiattellerà dritto per dritto in faccia, è che Federico Zampaglione, che dei Tiromancino è titolare, cuore e testa, è un grandissimo chitarrista, un rockettaro con venature blues come se ne vedono pochi in questa terra desolata dedita al magna magna che è lo show business italiano. Questa sua peculiarità, per altro, è spesso stata offuscata dalla sua capacità di scrivere canzoni limpide, battistiane, in bilico costante, come si diceva tempo fa, all'uscita della sua raccolta impreziosita da duetti importanti, tra l'underground, oggi impropriamente chiamato indie, il pop e il cantautorato. Come dire, siccome scrivo bene canzoni e spesso queste canzoni sono lievi, apparentemente fragili, certo non incentrate sulla potenza, questo essere anche un bluesman, uomo da chitarra elettrica o semiacustica può anche rimanere sottotraccia, se non addirittura nascosta dentro un baule.
Stavolta, però, la faccenda è diversa. Perché il tour teatrale con orchestra dei Tiromancino è un, azzardo, quasi più il tour del Zampaglione musicista di quello cantante. Mi spiego, tanto per non impaurire i lettori che non lo siano ancora andati a vedere, durante la scaletta ci sono suppergiù tutte quelle hit che nel corso degli anni gli hanno procurato il nomignolo di Hitman, sia chiaro, ma stavolta l'essere uomo capace di imbracciare la chitarra e di tirarne fuori suoni caldi, elettrici, viscerali è lì, sotto gli occhi di tutti. L'orchestra, del resto, serve anche a fare da contrappunto a questo, come a rivendicare quella attitudine cantautorale, alta, che nel suono della sei corde si potrebbe smarrire.

 


Nei fatti, e qui sta appunto la contrapposizione a quanto scritto come incipit, i Tiromancino stanno riempiendo teatri. E lo stanno facendo così, senza grandi apparenti clamori, mentre tutti sono distratti dall'imminente Sanremo e dagli scandali che puntualmente si tira dietro.
Un modo onesto, legnoso come la cassa di una chitarra, ruvido come le corre che lasciano calli sulle dita, puro come il suono di certi acuti, profondo come quello di certi bassi, un modo sincero di fare il proprio mestiere a furia di sudore e brividi. Il resto, beh, è quella roba lì. Magheggi, occhiolini strizzati, polemiche. Fortunatamente esiste ancora la musica e chi la sa portare in giro con professionalità e arte. 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Arriva Sanremo e con Sanremo Attico Monina

January 18, 2020

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag